Perché leggo fantascienza

Quando ero piccolo ero spaventato dalle copertine di certi libretti bianchi che mio padre teneva sul tavolino della TV in salotto.
Non sapevo che quei libretti facevano parte della più famosa collana di fantascienza italiana, Urania.
Ora io stesso posseggo dozzine di quei volumi.

Quello che sapevo della fantascienza, attraverso i miei occhi spaventati di bambino è che facesse paura. Il trailer di Atto di forza era una collezione di immagini terrificanti, le scene ambientate sull’arido pianeta di Il mio nemico, viste per caso in TV prima di andare a dormire, mettevano alla prova la mia insonnia.

Perfino le disturbanti visioni post-apocalittiche de Il pianeta della scimmie mi causavano dei problemi.
Più di tutto, la visione integrale di Aliens quando avevo appena sei anni mi convinse del tutto: no, la fantascienza è il male!

A tredici anni le cose cambiarono. Alcuni di quei film spaventosi iniziavano ad essere più interessanti. Atto di forza non era così male. E Blade Runner… quel film era oltre la mia immaginazione: era visionario, poetico, malinconico… figo…era meraviglioso!

Così, era una sera di quell’estate, in una libreria vicino alla spiaggia mi ritrovai in mano una raccolta di racconti di Philip K. Dick.
La copertina era un deliberato richiamo ad Atto di forza, per attirare potenziali lettori. Ed era un’edizione già abbastanza vecchiotta.
A quel punto avevo una vaga idea di chi fosse P.K. Dick, avevo visto Blade Runner tre volte nel corso di quell’estate, così mi decisi a comprarla. Quella stessa sera iniziai a leggere e finire in un lampo la prima storia e fui, come disse poi mio padre, “folgorato dalla fantascienza”.

Quell’estate lessi tutti i libri che mio padre si era portato in vacanza, iniziando per puro caso proprio da un altro libro di Dick, Dottor Futuro. E non ho mai smesso, fatta eccezione per uno strado interludio di due anni nella mia tarda adolescenza.

Iniziando a leggere la fantascienza sociologica, i miei gusti si sono rivolti inevitabilmente alla natura speculativa del genere.
Ho sempre amato l’abilità di estrapolare problemi attuali e decontestualizzarli in altri tempi e luoghi. Rendere chiaro ciò che è nascosto davanti ai tuoi occhi. Non deve stupire che, nel tempo, la mia scrittrice preferita sia diventata Ursula K. Le Guin.

Né critico o disdegno affatto ciò che lei chiama Sci-Fi, ovvero la fantascienza avventurosa ed effettistica, quella che il cinema ha diffuso attraverso il successo di Star Wars, ovvero quella comunemente definita space opera.
Adoro la space opera, ma l’amore è viscerale non intellettuale. E’ un genere equivalente a quello di Emilio Salgari, che pure adoro, ma ambientato nello spazio.

Così andando da Dick ad Asimov, da Heinlein alla Le Guin, passando per Farmer, Sheckley, Herbert, Simmons e molti altri, ho imparato ad amare un genere che mi ha garantito l’ingresso nel ghetto della cultura italiana, ma mi ha donato grandi visioni sull’umanità, i suoi sogni, le sue speranze e il suo potenziale.

Annunci

Un pensiero su “Perché leggo fantascienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...