Io, lettore (27 risposte)

1. Come scegli i libri da leggere?  
L’antico metodo prevedeva di andare in libreria la domenica mattina, spulciarsi tutti i libri e scegliere quello che mi ispirava.  
Oggigiorno i metodi abbondano: giudizi su amazon, goodreads e aNobii, recensioni specializzate o meno, blog vari. Le promozioni degli editori sono sempre una fonte di scoperta. Aggiungiamoci anche riferimenti vari da altri libri, film, interviste, documentari… 

2. Ti fai influenzare dalle recensioni?
Sono una traccia, diciamo che confermano una sensazione (o pregiudizio) su un libro. A volte mi convincono del contrario, a volte mi fanno leggere libri che non apprezzo per nulla.

3. Dove compri i libri, in libreria o online?
Entrambi. Online prediligo ormai gli e-book, o libri particolarmente introvabili. In libreria ci vado soprattutto a caccia di usato. Ormai difficilmente compro novità o libri nuovi di zecca, se non hanno un particolare significato collezionistico o emotivo.

4. Aspetti di finire la lettura di un libro prima di acquistarne un altro o hai una scorta?
Io e la malefica “pila” siamo nemici giurati… no, io accumulo, accumulo e poi mi dispero. Ultimamente ci sto provando a consumarla un po’, ma non è facile dopo dieci anni di cumuli.

5. Di solito quando leggi?
MI piacerebbe dire “sempre”, ma non è vero… quindi risponderò sinceramente: quando sono lontano dal PC. Internet è la morte delle mie ore di lettore, ti assorbe anche se non lo desideri, ti defrauda del tempo per leggere. 

6. Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?
No, ma andando avanti divento sempre più allergico ai mattoni polpettoni. C’è una tendenza allarmante alla logorrea in certi scrittori, ma in tante pagine non dicono più di quello che potrebbero dire in poche.

7. Genere preferito?
Fantascienza e filosofia. Leggo veramente di tutto e ho trascorso interi anni senza toccare un libro né dell’una né dell’altra, ma alla fine vedo che ci ritorno sempre.

8. Autore preferito?
Cambiano con il tempo… Fare la lista non avrebbe senso, attualmente se la giocano Murakami e Jean Rhys, ma sono in cerca del prossimo.

9. Quando è iniziata la tua passione per la lettura?
E’ esplosa in prima superiore. Durante le medie leggevo, ma non parecchio. Alle elementari ho iniziato tardi, con il Battello a Vapore e i libri di Roal Dahl.

10. Presti i tuoi libri?
Li ho prestati, ora cerco di evitare. Accadono due orrori: mi ritornano distrutti o non mi ritornano per anni…

11. Leggi un libro alla volta o riesci a leggerne diversi contemporaneamente?
Ne leggo più contemporaneamente, per la natura stessa dei libri: è difficile dare continuità a un saggio molto ricco o a un testo filosofico, che intervallo volentieri con una raccolta di racconti e un romanzo più o meno lungo.

12. I tuoi amicifamigliari leggono?
La passione è ereditaria

13. Quanto impieghi mediamente a leggere un libro?
Mediamente leggo 50 pagine all’ora, a seconda del tipografia.

14. Quando vedi qualcuno che legge (ad esempio nei mezzi pubblici) sbirci il titolo del libro?
Cerco di resistere alla tentazione, ma a volte cedo. A me infastidisce che me lo facciano… ho ovviato con il Kindle.

15. Se tutti i libri al mondo dovessero essere distrutti e potessi salvarne uno soltanto, quale sarebbe?
Tao Te Ching

16. Perché ti piace leggere?
“Leggo per legittima difesa” 

17. Leggi libri in prestito o solo libri che possiedi?
Sto rivalutando molto la questione prestito (anche bibliotecario), soprattutto perché mi rendo conto che molto di quello che leggo acquistando non vale essere conservato. Ma ho ancora centinaia di titoli prima di esaurire la “pila”.

18. Quale libro non sei mai riuscito a finire?
Il Genji Monogatari… per ora!

19. Hai mai comprato libri solo per la copertina?
Una sola volta… Norwegian Wood. Manco l’avevo letta la quarta… 

20. Cosa ti colpisce delle copertine?
Per me possono anche essere spoglie, la copertina è solo marketing, non dovrebbe avere importanza

21. C’è una casa editrice che ami particolarmente e perché?
Adelphi, ha il catalogo più “colto” dell’editoria nostrana

22. Porti i libri ovunque o li tieni al sicuro in casa?
Anche qui, ho ovviato con il Kindle. Il cartaceo sta sempre più assumendo valore affettivo/collezionistico per me.

23. Qual è il libro che ti hanno regalato e che hai apprezzato maggiormente?
Generalmente non sanno regalarmi libri. Regalare libri è difficilissimo, richiede una conoscenza profonda della persona… e io non sono facilmente compreso

24. Come scegli un libro da regalare?
Pensando alla persona cui devo regalarlo. Non regalo mai libri che piacciono a me e che so non piaceranno all’altro. 

25. La tua libreria è ordinata secondo un criterio particolare?
Magari… ho rinunciato anche a catalogarla

26. Quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?
Considero le note una piaga necessaria, un orrore accademico, a meno che non offrano traduzioni o qualche informazione fondamentale. In questo caso preferisco averle a piè di pagina. Generalmente le note servono per i riferimenti bibliografici. Mi sono capitate centinaia di note di tal fatta, assolutamente inutili al fine della lettura. Quando queste sono poste in appendice è terrificante spezzare la lettura per scoprire un “ibidem”

27. Leggi eventuali introduzioni, prefazioni, postfazioni o le salti?
L’apparato critico è fondamentale per comprendere il contesto e le motivazioni dell’opera. Sono il vero momento di arricchimento della cultura personale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...